Espressioni popolari o dialettali delle vostre parti

Off-Topic... dove puoi parlare...
di tutto quello che ti pare...
Rispondi
Avatar utente
M.Pia75
Messaggi: 639
Iscritto il: mar dic 18, 2018 2:54 pm
Località: Foggia

Espressioni popolari o dialettali delle vostre parti

Messaggio da M.Pia75 » ven dic 28, 2018 10:35 am

Ho voluto aprire questo topic un po' perché ci sono dei modi di dire che fanno parte della nostra terra di origine a cui ricorriamo per "rendere meglio l'idea" e che quindi usiamo spesso, un pò' per far capire il significato a chi non è di quelle parti.

Inoltre sono del parere che mantenere l'uso comune del dialetto sia un modo per tenere viva la nostra lingua di origine, un po' come il latino. Solo in questo modo possiamo tramandare i nostri modi di dire, le nostre tradizioni, usi e costumi e magari riusciamo a risalire, facendo il percorso a ritroso, ad alcune parole o fatti di cui non sappiamo da dove provengano, come sono nati.

L'idea mi è venuta leggendo la parola "accollo" nell'altro topic, di cui non ne conoscevo il significato. Leggendo la spiegazione ho capito che si tratta di una persona particolarmente fastidiosa, piena di se', che ama parlare di qualsiasi argomento senza dare all'interlocutore lo spazio per poter rispondere o controbattere.

Di contro, ho risposto usando un'espressione tipicamente dialettale della mia città, che viene utilizzata per non cadere nel volgare. Sarebbe "vai a mettere lo smalto agli anatroccoli", di cui non ho idea da dove provenga questo modo di dire, ma che comunque fa capire chiaramente le intenzioni di chi la dice.

Un'altra simile è "vai a gonfiare i palloncini davanti alla villa comunale", praticamente "va' a lavorare e non darci fastidio".

Ovviamente tradotto in italiano "pare brutto". Certe espressioni andrebbero dette nel dialetto più stretto e arcaico possibile, ma poi chi ci capirebbe?

Se avete voglia di elencare le parole o i modi di dire che più usate, o che vi fanno ridere, o che vi legano particolarmente ai vostri luoghi di origine, creeremo un vocabolario nazionale dei dialetti. Buon divertimento.
The beat, the bass, the drum, the groove. The Gigi Gigi' Style

Avatar utente
superdavide91
Messaggi: 105
Iscritto il: mar dic 18, 2018 1:03 pm
Località: Rivoli (To)

Messaggio da superdavide91 » ven dic 28, 2018 2:01 pm

Io ricordo un detto che diceva mio nonno..lui era di Foggia ma non so se é un detto popolare..

Comunque

A chi non si faceva i cavoli propri..

"Dovevi nascere a Monteleone...li accecavano gli occhi e tagliavano la lingua.....sai perché?..perche non si facevano i c...i propri"..🤣

Avatar utente
bene
Messaggi: 353
Iscritto il: mar dic 18, 2018 1:53 pm
Località: Palmariggi (Le)

Messaggio da bene » ven dic 28, 2018 2:24 pm

Bello sto topic

Sicuramente ogni paese avrà i suoi modi dire...

A me capita spesso, soprattutto se devo insultare qualcuno (tipo in mezzo al traffico), che esca tutto il terrone che è in me... :'D :'D

quindi il dialetto si impossessa di me...
Sa...Lento Violento

Avatar utente
Giadina
Messaggi: 994
Iscritto il: mer dic 19, 2018 6:10 pm
Località: Roma

Messaggio da Giadina » ven dic 28, 2018 2:53 pm

L'accollo non necessariamente è pieno di sé eh...anzi...

È molto più semplice di quanto sembra, è un individuo che si attacca tipo cozza...e non ti lascia vivere...

....

In Romano quello che mi viene in mente al volo

"E quann'affitto!?" Per dire che la cosa è lunga....quando la concludo...

"M'arimbarza" non mi importa...non mi fa nulla....

"Ndo cojo, cojo" a caso...

"Me lo stoppo ar cà" dicasi oggetto o qualsiasi cosa inutile....

Quando si rompe qualcosa e si sente il suono della rottura si usa dire "coooocci"

E poi ovviamente lo stokazzo universale....

Chi è?

Chi manca?

Chi te saluta?

Con le mani in giù, sempre presente!!!!!
🌻

Avatar utente
M.Pia75
Messaggi: 639
Iscritto il: mar dic 18, 2018 2:54 pm
Località: Foggia

Messaggio da M.Pia75 » ven dic 28, 2018 6:30 pm

superdavide91 ha scritto:
ven dic 28, 2018 2:01 pm
Io ricordo un detto che diceva mio nonno..lui era di Foggia ma non so se é un detto popolare..

Comunque

A chi non si faceva i cavoli propri..

"Dovevi nascere a Monteleone...li accecavano gli occhi e tagliavano la lingua.....sai perché?..perche non si facevano i c...i propri"..🤣
Non l'ho mai sentito. E non sono mai stata a Monteleone di Puglia. 😂

Non ditemi parole, cioè non rimproveratemi, se non faccio il multi quote. Non lo so fare. 😢
Risponderò ad ognuno in un messaggio diverso.
The beat, the bass, the drum, the groove. The Gigi Gigi' Style

Avatar utente
M.Pia75
Messaggi: 639
Iscritto il: mar dic 18, 2018 2:54 pm
Località: Foggia

Messaggio da M.Pia75 » ven dic 28, 2018 6:36 pm

bene ha scritto:
ven dic 28, 2018 2:24 pm
Bello sto topic

Sicuramente ogni paese avrà i suoi modi dire...

A me capita spesso, soprattutto se devo insultare qualcuno (tipo in mezzo al traffico), che esca tutto il terrone che è in me... :'D :'D

quindi il dialetto si impossessa di me...
Alla guida è praticamente impossibile non incavolarsi e il dialetto è d'obbligo! 😂
Generalmente a farne le spese sono sempre le mamme o le sorelle dell'autista indisciplinato. Senza contare che quest'ultimo ha più corna di una cesta di lumache.

Una volta sentii dire "Se piovessero taralli, nemmeno uno cadrebbe a terra", sempre facendo riferimento alle corna.
The beat, the bass, the drum, the groove. The Gigi Gigi' Style

Avatar utente
M.Pia75
Messaggi: 639
Iscritto il: mar dic 18, 2018 2:54 pm
Località: Foggia

Messaggio da M.Pia75 » ven dic 28, 2018 6:39 pm

Giada, molti modi di dire romaneschi sono ormai italiani a tutti gli effetti.
Il rumore delle cose che cadono 😂😂😂
The beat, the bass, the drum, the groove. The Gigi Gigi' Style

Avatar utente
M.Pia75
Messaggi: 639
Iscritto il: mar dic 18, 2018 2:54 pm
Località: Foggia

Messaggio da M.Pia75 » ven dic 28, 2018 6:51 pm

Una persona inutile: un caz pieno d'acqua.

Non ti temo: Ti mangio qua e ti cago al largo.

Cadere in bassa fortuna: è passato da padrone di bastimento a barca in affitto.

Un investimento sbagliato: ci ha rimesso incenso e capitale.

Donna sporca: sciocca, trozzolosa, dove le trozzole sono i grovigli inestricabili di capelli.

Hai una faccia tosta! = Tieni la faccia di quello che si alza a mezzanotte!

... continua ... 😂😂😂
The beat, the bass, the drum, the groove. The Gigi Gigi' Style

Avatar utente
Giadina
Messaggi: 994
Iscritto il: mer dic 19, 2018 6:10 pm
Località: Roma

Messaggio da Giadina » ven dic 28, 2018 10:04 pm

Matteo mi fa notare anche il fischio al posto dello "stokazzo" o come accompagnamento!

Che il Romano sia diventato un po' di tutti sono contenta...

Ma a volte viene usato in modo sbagliato e spropositato da chi non lo conosce e mi urta...
🌻

Avatar utente
Aleviolen
Messaggi: 338
Iscritto il: mar dic 18, 2018 4:08 pm
Località: Roma

Messaggio da Aleviolen » ven dic 28, 2018 10:23 pm

Sempre a Roma si usa rivolgendosi a qualcuno che si lamenta o fa qualcosa che risulta lagnoso “che te s’è scioRto?” “A questo mó che je s’è scioRto?”
“Cosa ti si è sciolto” tipo “cos’hai, che ti succede, a questo ora che succede?”

Oppure per dire “questa cosa non riesco a farla non ci azzecco”

“Nun ce ‘mbrocco mai a fa sta cosa” —> voce del verbo imbroccare😂😂🙈

Oppure invece uno va fuori di testa —> jè partita la ciavatta

In pratica a Roma quando una cosa fa inkazzare fa partire la ciavatta😂
Oltrepassando...♥️

Rispondi