Feste di paese, sagre, tradizioni, usanze

Avatar utente
M.Pia75
Messaggi: 743
Iscritto il: mar dic 18, 2018 2:54 pm
Località: Foggia

Re: Feste di paese, sagre, tradizioni, usanze

Messaggio da M.Pia75 » mer mar 06, 2019 8:07 am

Al Carnevale di Manfredonia ospiti della notte colorata, cioè l'ultima serata di sfilate, Marvin e Prezioso.

L'anno scorso Fargetta e mi pare Albertino, o lui l'anno precedente, non ricordo bene, e tre/quattro anni fa Gabry Ponte.

Manca solo Gigi! Chissà l'anno prossimo! Magari!
The beat, the bass, the drum, the groove. The Gigi Gigi' Style

Avatar utente
Marè
Messaggi: 729
Iscritto il: gio feb 14, 2019 7:06 pm

Messaggio da Marè » mer mar 06, 2019 10:33 am

🙂🙂🙂
Allegati
3343502A-6F8D-4582-B203-D09037D2C348.jpeg
6FE10C9D-9B40-4200-AEB8-E3DA6BFFE65D.jpeg
🌊

Avatar utente
Dottor Tanz
Messaggi: 595
Iscritto il: lun dic 17, 2018 10:36 pm
Località: Grottaglie (TA)
INSTAGRAM: carmelo.antonazzo
Contatta:

Messaggio da Dottor Tanz » mer mar 06, 2019 5:19 pm

Come scrivevo qualche anno fa nella vecchia casetta in merito alle nostre tradizioni pasquali...

A partire da oggi da noi vengono appese le "Quaremme".

"Sui balconi e terrazze di molti paesi del Salento viene esposta la Quaremma o Caremma termine di derivazione francese, probabilmente dato dai soldati francesi durante la loro presenza nel Salento nel XXIV secolo (dal francese Careme, tradotto in Quaresima).

Avrete la possibilità di incontrare, soprattutto se percorrerete qualche viuzza del centro storico, una vecchia vestita a lutto, brutta, magrissima, direi quasi spettrale se vi capiterà d' incontrarla di sera al buio. Vi ritroverete faccia a faccia con la Quaremma. La Quaremma altri non è che un pupazzo appeso tra un balcone ed un altro con le sembianze di una vecchia tipica dei nostri luoghi col fazzoletto nero in testa, lo scialle sulle spalle ed il grembiule, lu sunale, in vita, tipico delle massaie dedite al lavoro.

Tutto rigorosamente nero perchè la Quaremma è a lutto a causa della morte del marito, il Carnevale, che nei suoi ultimi giorni di vita ha condotto una vita dissoluta sperperando tutti i suoi beni e lasciando la sua povera moglie nella più totale miseria. La povera Quaremma allora è costretta a lavorare per colmare il buco economico lasciato dal marito e per sopravvivere. Pertanto ha in mano un fuso ed una conocchia che stanno a rappresentare la laboriosità ma allo stesso momento lo scorrere del tempo. A volte al posto del fuso può avere in mano una “cucchiara” (Cucchiaio di legno con cui si girano le fave, tipico piatto locale) o altri oggetti usati nel lavoro domestico.



Spesso ha in mano anche pochi alimenti per sopravvivere come sette taralli, sette appunto come le settimane che mancano alla Pasqua di Resurrezione. A volte anche del vino o dell' aceto. Un altro oggetto caratteristico posseduto dalla Quaremma è un' arancia, na marancia amara, nella quale sono infilzate sette penne di gallina, una per ogni settimana che manca alla Pasqua.

A regola dovrebbe essere tolta una penna alla settimana. Ma perchè la Quaremma è così sacrificata? Perchè il Carnevale prima di morire l' ha abbandonata e lasciata in una condizione così precaria? La condizione della Quaremma, che come detto rimane appesa per tutto il periodo Quaresimale, è una condizione di penitenza, di sacrificio, di digiuno. Infatti, soprattutto nei tempi passati, tutto il periodo della Quaresima era caratterizzato dalla penitenza e dal digiuno: infatti in questo periodo non si mangiava assolutamente carne e suoi derivati.



Per i più poveri che all' epoca rappresentavano la maggior parte della popolazione il fatto di non mangiare carne non è che fosse una rinuncia tanto difficile e magari la rinuncia riguardava anche altri alimenti che non fossero legati direttamente alla carne. I più ricchi comunque la carne riuscivano a mangiarla lo stesso anche in periodo Quaresimale pagando una apposita tassa alla Chiesa. Per non parlare poi di quella ormai famosissima storia del prete che non avendo pesce ma solo carne a disposizione “fu costretto” per poter mangiare, a benedire tutta la carne a pesce.

Quindi per tornare alla nostra sventurata vedova di pezza il suo sacrificio rappresenta proprio il sacrificio della gente credente durante la Quaresima.



La parola Quaremma infatti deriva dal francese Careme che significa Quaresima. Il periodo di sacrificio non riguarda però solo l' alimentazione in quanto in questo periodo non ci si potrebbe neanche sposare, fare banchetti per festeggiare o qualsiasi altra cosa che esca fuori dai binari della “rinuncia”. Le radici di questa antica tradizione tipica del Salento sono probabilmente legate alle Moire della mitologia greca ed alle Parche della mitologia romana, ed in particolar modo a Cloto che filava lo stame della vita.



La “sopravvivenza” della Quaremma è relativamente breve in quanto viene bruciata la sera del Sabato Santo. Anche in questo caso il fuoco che si sprigiona dal rogo della Quaremma viene simbolicamente visto come un fuoco purificatore che con l' arrivo della Pasqua di Resurrezione pone fine al periodo di sacrificio e penitenza della Quaresima."

53209792_2204427536302937_4698070360644386816_n.jpg
428337_387769641251603_344594481_n.jpg

Avatar utente
Marè
Messaggi: 729
Iscritto il: gio feb 14, 2019 7:06 pm

Messaggio da Marè » mer mar 06, 2019 5:38 pm

Ho letto tutto con scimmiesca curiosità e l’intento di risponderti “Sarebbe bello vederle!” e invece le foto c’erano già!!!
È una tradizione curiosissima e molto particolare, non la conoscevo...
Grazie 🙏🏻🙏🏻🙏🏻
🌊

Avatar utente
Marè
Messaggi: 729
Iscritto il: gio feb 14, 2019 7:06 pm

Messaggio da Marè » mer mar 06, 2019 5:46 pm

Sono andata a spulciare, è davvero particolarissima come tradizione, mi piace...
Però non so perché, istintivamente mi fa pensare ad una retata notturna per cercare di rubare tutte le sacche con i taralli.
Non è mai venuto in mente a nessuno? 😅
Allegati
4044B7BA-6F3A-4D3F-98BC-A480508E9D3B.jpeg
🌊

Avatar utente
Dottor Tanz
Messaggi: 595
Iscritto il: lun dic 17, 2018 10:36 pm
Località: Grottaglie (TA)
INSTAGRAM: carmelo.antonazzo
Contatta:

Messaggio da Dottor Tanz » mer mar 06, 2019 6:53 pm

Marè ha scritto:
mer mar 06, 2019 5:46 pm
Sono andata a spulciare, è davvero particolarissima come tradizione, mi piace...
Però non so perché, istintivamente mi fa pensare ad una retata notturna per cercare di rubare tutte le sacche con i taralli.
Non è mai venuto in mente a nessuno? 😅
No! :'D

Comunque non appena possibile mi faccio un giro nel centro storico e posto altre foto! :)

Avatar utente
Marè
Messaggi: 729
Iscritto il: gio feb 14, 2019 7:06 pm

Messaggio da Marè » mer mar 06, 2019 6:55 pm

Allora perché é venuto in mente a me? 😐
🌊

Avatar utente
M.Pia75
Messaggi: 743
Iscritto il: mar dic 18, 2018 2:54 pm
Località: Foggia

Messaggio da M.Pia75 » mer mar 06, 2019 7:39 pm

Da noi non esiste questa usanza, ma riguardo l'arancia infilzata di penne, mi viene in mente una storia che mi raccontava mia madre.

In poche parole, quando mia madre era bambina, c'era una sua zia che prendeva una patata e la infilzava con quaranta penne di oca o gallina e ogni giorno ne toglieva una sospirando perché mancava ancora tanto alla fine della Quaresima.

All'epoca effettivamente non mangiavano carne per quaranta giorni e si faceva il conto alla rovescia in vista della Pasqua.

Che belle le tradizioni popolari!
The beat, the bass, the drum, the groove. The Gigi Gigi' Style

Avatar utente
Marè
Messaggi: 729
Iscritto il: gio feb 14, 2019 7:06 pm

Messaggio da Marè » mer mar 06, 2019 7:48 pm

Una specie di conto alla rovescia 🙂
🌊

Avatar utente
Dottor Tanz
Messaggi: 595
Iscritto il: lun dic 17, 2018 10:36 pm
Località: Grottaglie (TA)
INSTAGRAM: carmelo.antonazzo
Contatta:

Messaggio da Dottor Tanz » mer mar 06, 2019 7:51 pm

Marè ha scritto:
mer mar 06, 2019 6:55 pm
Allora perché é venuto in mente a me? 😐
Sono appese molto alte non ne varrebbe la pena! :)
M.Pia75 ha scritto:
mer mar 06, 2019 7:39 pm
Da noi non esiste questa usanza, ma riguardo l'arancia infilzata di penne, mi viene in mente una storia che mi raccontava mia madre.

In poche parole, quando mia madre era bambina, c'era una sua zia che prendeva una patata e la infilzava con quaranta penne di oca o gallina e ogni giorno ne toglieva una sospirando perché mancava ancora tanto alla fine della Quaresima.

All'epoca effettivamente non mangiavano carne per quaranta giorni e si faceva il conto alla rovescia in vista della Pasqua.

Che belle le tradizioni popolari!
Anche qui, mia Nonna mi racconta, qualche anziana lo faceva...

Tradizioni che stanno passando in secondo piano, come quella della "Quaremma", dove ogni anno se ne vedono sempre meno...

Rispondi